Mauro Funghi studiofunghi.it Consulente Del Lavoro Francesco Funghi Dottore Commercialista e Revisore Contabile
Mauro Funghi                             studiofunghi.it    Consulente Del Lavoro                                                                                              Francesco Funghi                                                    Dottore Commercialista e Revisore Contabile

Ricerca nel sito

Cerca in internet

Dimissioni della lavoratrice madre ed indennità di disoccupazione

Riferimenti:

 

  • Ministero del Lavoro, Interpello n. 6 del 5 febbraio 2013

 

In sintesi:

 

Con l’Interpello n. 6 del 5 febbraio 2013, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali interviene, in risposta ad uno specifico quesito avanzato dal Consiglio Nazionale dei consulenti del lavoro, per fornire chiarimenti in ordine alla disciplina delle dimissioni volontarie presentate dalla lavoratrice madre nel periodo in cui vige il divieto di licenziamento.

In particolare, viene chiesto se a seguito delle modifiche introdotte dalla Riforma Fornero (necessità della convalida delle dimissioni per un periodo pari ai primi tre anni del bambino), la madre può usufruire dell’indennità di disoccupazione per il medesimo periodo.

 

Il Ministero del lavoro chiarisce la lavoratrice madre/lavoratore padre ha diritto alla percezione delle indennità disposte nell’ipotesi di licenziamento, compresa quella di disoccupazione involontaria, esclusivamente qualora abbia presentato le dimissioni o sia stata licenziata entro il compimento di un anno del bambino.

Il quesito

Con istanza di Interpello n. 6 del 5 febbraio 2013, il Consiglio Nazionale dei consulenti del lavoro ha richiesto il parere del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in merito alla disciplina, prevista dall’articolo 55 del D.Lgs n. 151/2001, delle dimissioni volontarie presentate dalla lavoratrice madre nel periodo in cui vige il divieto di licenziamento ovvero entro il compimento di un anno di età del bambino.

In particolare, viene chiesto se a seguito delle modifiche introdotte dalla Legge n. 92/2012 all’articolo 55, comma 4 del D.Lgs n. 151/2001 secondo il quale ora è necessaria la convalida delle dimissioni durante i primi tre anni di vita del bambino, la madre può usufruire dell’indennità di disoccupazione per il medesimo periodo.

Il parere del ministero

Il Ministero del Lavoro, al fine di fornire la soluzione al quesito proposto, ricorda che:

  • ai sensi dell’articolo 54, comma 1 del D.Lgs n. 151/2001
 

“le lavoratrici non possono essere licenziate dall’inizio del periodo di gravidanza fino al termine dei periodi di interdizione dal lavoro (…), nonché fino al compimento di un anno di età del bambino”.

In particolare, in tale periodo la lavoratrice non può essere

-        sospesa dal lavoro, salva l’ipotesi in cui sia stata sospesa l’attività dell’azienda o di un reparto di essa;

-        collocata in mobilità a seguito di licenziamento collettivo, ad eccezione del caso in cui la procedura venga attivata per cessazione dell’attività imprenditoriale;

  • ai sensi dell’articolo 55, comma 1 del D.Lgs n. 151/2001, con riferimento al periodo in cui sussiste il divieto di licenziamento, la fattispecie delle dimissioni volontarie viene equiparata a quella del licenziamento verificatosi nel medesimo arco temporale, ai fini della fruizione delle “indennità previste da disposizioni di legge e contrattuali” (tra le quali indennità di disoccupazione - ora Aspi - e indennità sostitutiva del preavviso);
  • le modifiche introdotte dalla Legge n. 92/2012 all’articolo 55, comma 4 del D.Lgs n. 151/2001, ovvero la convalida delle dimissioni durante i primi tre anni di vita del bambino, non influiscono sul periodo di fruizione delle indennità di cui al primo comma del medesimo articolo.

Premesso quanto sopra, il Ministero giunge alla conclusione che:

 

“la lavoratrice madre/lavoratore padre ha diritto alla percezione delle indennità disposte nell’ipotesi di licenziamento, pertanto compresa quella di disoccupazione involontaria, esclusivamente qualora abbia presentato le dimissioni o sia stata licenziata entro il compimento di un anno del bambino.”

CLICCA PER CONDIVIDERE

Sono le ore



Benvenuti su studiofunghi.it !

Il nostro Studio
I Soci
Servizi
Novità Lavoro e Legislazione Sociale
Novità Fiscali e Tributarie
Le nostre guide

Se cerchi una consulenza competente, professionale e attenta alle tue esigenze:
Contattaci
Richiedi un preventivo



Nuovo sito web

Ecco il nostro nuovo sito web dove potete consultare tutte le novità sul nostro Studio e i nostri Servizi.


Nuova sede ad Orbetello

Lo Studio Funghi ha una nuova sede a Orbetello, in Piazza Odoardo Borrani 1.


I NOSTRI ORARI DI APERTURA

Riceviamo su appuntamento dal lunedì al venerdì

Mattino: 09:00 - 13:00

Pomeriggio: 15:00 - 19:00

 

Chiamateci al numero 0564 865021 o compilate il modulo online.


Master Card Visa American Express Tutte le carte di credito PayPal Pagamento anticipato Pagamento contro assegno Contanti
MasterCard, Visa, American Express, Credit Card, Paypal, Advance Payment, Cash, Contanti

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Funghi Dott. Francesco & C. Sas, Piazza Odoardo Borrani 1, 58015 Orbetello Scalo (GR), Partita IVA: 01237030539